L’importanza delle parole chiave per scrivere un articolo Seo friendly

, 26 Marzo 2020

Che si tratti di un blog professionale o personale, ci poniamo tutti la stessa domanda: come possiamo rendere i nostri articoli SEO-friendly? Indipendentemente dal contenuto che si vuole scrivere, è importante identificare le reali intenzioni dietro le richieste digitali e approfondire l’argomento e la semantica intorno alle parole chiave che si vogliono usare. È la / le parole chiave scelta/e che definirà l’ottimizzazione dei vostri contenuti SEO friendly. L’individuazione e l’analisi delle parole chiave ci permetterà infatti di delimitare le aree di interesse dei nostri contenuti per scegliere finalmente il tema.

Analisi delle parole chiave utilizzabili

Un contenuto SEO si basa innanzitutto su un’attenta ricerca di parole chiave per individuare quelle più utilizzate dagli utenti che cercano un prodotto, un servizio o un’informazione. Solo dopo aver individuato le parole chiave, possiamo iniziare a creare il contenuto, formattarlo e poi creare correttamente il codice HTML per la pagina che verrà pubblicata.

Per semplificare il processo, simuleremo la ricerca di nuove parole chiave per creare degli articoli SEO friendly per una rivista di moda.

Google Trends:

Questo strumento è utilizzato per trovare gli argomenti (e quindi le parole chiave) che più attirano l’attenzione e la curiosità del nostro target in un determinato periodo dell’anno. Con questo strumento è possibile selezionare il paese, le date di riferimento, gli argomenti che ci interessano e il settore. In questo modo sarà possibile sapere se il soggetto o il settore di cui vogliamo trattare ha dei picchi di ricerca e se da un anno all’altro suscita lo stesso interesse.

google trends

 

Grazie a Google Trends, possiamo individuare il momento ideale per la pubblicazione.

SemRush:

Per identificare una parola chiave specifica (e un titolo) attorno alla quale costruire un testo interessante per il target di riferimento, sono necessarie ulteriori ricerche dettagliate. Verrà quindi utilizzato SemRush. Inserendo la parola chiave identificata (ad esempio: abito), lo strumento SemRush ci fornisce una serie di risultati più specifici. I risultati appaiono in ordine di volume di ricerca mensili. Da questo display si capisce a cosa è interessato l’utente e cosa sta realmente cercando.

semrush

SemRush offre una versione gratuita che permette di vedere solo i primi 10 risultati. La versione a pagamento permette anche di visualizzare tutte le altre parole chiave e di entrare più nel dettaglio. Come si può vedere sopra, le parole chiave dominanti (con il maggior numero di ricerche mensili registrate) sono “abito da sera”. Queste sono quindi le ricerche più precise degli utenti di Google.

Google Adwords:

Google Adwords è uno strumento gratuito che chiunque può utilizzare dopo la registrazione. Cliccando su “strumenti e impostazioni” e poi su “strumento di pianificazione delle parole chiave” in “pianificazione”, saremo in grado di effettuare la nostra ricerca di parole chiave filtrandole per paese e lingua.

Come potete vedere, Google ci fornisce una serie di parole chiave sullo stesso tema.

UberSuggest:

Per affinare la nostra ricerca useremo UberSuggest. Uno strumento interessante e facile da usare, di seguito qualche suggerimento per un utilizzo corretto.

ubersuggest

 

Le informazioni fornite da UberSuggest rappresentano un mix tra ciò che gli utenti stanno realmente cercando e ciò che è realmente presente online.

Per sviluppare la ricerca con UberSuggest è sufficiente inserire la parola chiave, selezionare la lingua e il settore di ricerca (in questo caso Google Web escludendo immagini, notizie e prodotti da Google shopping) e poi cliccare su cerca.

Crea il tuo articolo Seo:

Ora potete decidere di creare un contenuto ottimizzato e unico e scrivere un testo sui diversi temi proposti dagli strumenti di ricerca per parole chiave.

È inoltre possibile adottare una strategia diversa per rafforzare il campo semantico dedicato ai diversi modelli di abiti da sera e scrivere un articolo diverso per ogni tema da trattare.

Nel primo caso sarebbe interessante fare una guida pratica che potrebbe intitolarsi “quale modello di abito da sera scegliere in base alla propria morfologia”. Si potrebbero creare diversi articoli, uno per ogni richiesta, in modo da intercettare nicchie di lettori molto specifiche.

Se invece si vuole utilizzare e parlare di una sola parola chiave per un argomento più approfondito, conviene scegliere la parola chiave che ha più volume e che, una volta posizionata, creerà più traffico sui motori di ricerca.

È anche importante scegliere la parola chiave tenendo conto del livello di concorrenza. Se il sito è recente, è possibile utilizzare il livello di concorrenza in relazione al volume. Altrimenti sarà più difficile farlo emergere tra i primi risultati di ricerca.

Vedremo in un secondo momento come utilizzare queste parole chiave scelte nel nostro testo in modo che siano visibili ai motori di ricerca.

 

Fino ad allora, ricordate che i vostri articoli Seo friendly, a differenza di quelli pubblicati su riviste cartacee, non finiranno nel cestino, ma saranno conservati nel database e nella cronologia dei motori di ricerca. Per questo motivo non dovete esitare ad aggiornarli e modificarli in modo che rimangano una fonte affidabile e interessante per i lettori.

Ultimi articoli