Native Advertising

Articolo sponsorizzato: perché e come utilizzarlo?

, 19 Febbraio 2018

Il Marketing di Contenuto è diventato essenziale, e quasi tutti i marchi che dispongono di un budget marketing vi fanno ricorso. In generale possiedono un blog sul quale vengono pubblicati post regolarmente. Ma per questo tipo di contenuti è difficile differenziarsi dalla massa dei 17,75 milioni di post pubblicati ogni giorno. Ancora peggio, in molti settori si riscontra un “eccesso di contenuti”, al punto che l’offerta di articoli sorpassa a volte di gran lunga alla richiesta. Di conseguenza, l’articolo sponsorizzato rappresenta una soluzione sempre più popolare per rendere visibile il proprio contenuto a un pubblico sempre più voluminoso e qualificato.

Che cos’è un articolo sponsorizzato?

Il contenuto sponsorizzato è un tipo particolare di pubblicità nativa. Può presentarsi sotto forma di pubblicità informativa, di video o di infografica, fintantoché è n grado di integrarsi naturalmente nel flusso di contenuto del sito che lo pubblica.

Un contenuto sponsorizzato può presentarsi sotto diverse forme. Può trattarsi anche di un riquadro inserito in una newsletter popolare , o di un intervento breve in un podcast influente. (Copyright foto: Joe The Goat Farmer, Flickr)

[/caption]L’articolo sponsorizzato è un’arma a disposizione degli addetti stampa, a fianco della pubblicità classica (invio di comunicati stampa) e del guest post. Quest’ultimo è una soluzione alternativa per vedere il proprio contenuto pubblicato su siti esterni. Insomma, si tratta di inviare un articolo a un media influente, il quale accette di pubblicarlo a seconda del suo valore aggiunto potenziale per il suo lettorato. Ma i siti più influenti rifiuteranno la maggior parte delle volte di pubblicare gratuitamente, indipendentemente dal contenuto. Il tempo di redazione, di pubblicizzazione e di negoziazione può a volte rivelarsi persino più costoso di un ricorso diretto a un articolo sponsorizzato.

L’importanza della creazione di contenuto

Il contenuto può essere creato direttamente dall’annunciatore, o dall’editore del sito oppure come frutto di una collaborazione di entrambi. Certo, lasciare che sia il media ad occuparsi della redazione di un articolo implica un costo leggermente più elevato per l’annunciatore. Ma è anche la garanzia che il contenuto saprà integrarsi perfettamente alla linea editoriale del supporto su cui viene diffuso.

Il reportage pubblicitario viene spesso criticato sulla base del fatto che non sarebbe i grado di conquistare la fiducia degli internauti, e anzi di insospettirli, trattandosi pur sempre di pubblicità. E tuttavia i numerosi studi condotti in proposito dimostrano il contrario, anche presso pubblici educati.  étude réalisée auprès de cadres supérieurs (in inglese) ha dimostrato che l’84% di essi sono in realtà aperti all’idea del contenuto sponsorizzato, fintantoché è di qualità e utile, e che viene indicata la sua vera natura. Ancora meglio, il New York Times ha rivelato che i suoi lettori passano altrettanto tempo sugli articoli normali che sugli articoli pubblicitari.

Certo, l’articolo deve integrare un sottile appello all’azione, la maggior parte delle volte un link verso la homepage o la pagina prodotto dell’inserzionista. Questo aspetto pubblicitario non deve semplicemente prendere il sopravvento sull’utilità) del contenuto stesso.

Una serie di vantaggi notevoli

Non appena esce la pubblicazione o l’articolo pubblicitario, i marchi dovrebbero notare fin da subito un picco di vendite sul prodotto o sull’offerta promossa. Questo picco di vendite non è certo eterno, pero’.

Ma esistono numerosi altri vantaggi sul l=ungo termine alla pubblicazione di un articolo sponsorizzato:

  • Aumento della notorietà del marchio.
  • Percezione del marchio come esperto nel suo campo o settore, o leader di opinione (brand authority). Il tuo marchio aumenta in tal modo la fiducia nei confronti dei consumatori rispetto alle informazioni pubblicate.
  • Aumento del numero di abbonati sui social, appena il lettore ha trovato del contenuto utile e che di conseguenza desidera essere informato su eventuali pubblicazioni future.
  • Impatto favorevole sulla SEO : un backlink verso il tuo dominio su un sito influente è un segnale positivo per Google e aumenta l’autorità del tuo dominio e quindi del tuo ordine di apparizione medio nei risultati di ricerca.

L’articolo sponsorizzato permette di apparire sul radar dei consumatori che ignoravano in precedenza l’esistenza stessa del marchio. (Copyright foto: Jeremy Bishop, Unsplash)

[/caption]Un partenariato con un sito importante può costare carissimo, fino a 100.000 euro. La rete di social influenti di getfluence.com dà accesso agli inserzionisti a un pubblico ingente, per un prezzo di gran lunga inferiore: è un modo di sperimentare il potenziale dell’articolo sponsorizzato.

Ultimi articoli